Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DSS Gruppo di ricerca Smettere gli psicofarmaci

Capire cosa succede

 

La ricerca scientifica da tempo suggerisce che la riduzione o sospensione, sia graduale che brusca, di antidepressivi determina la comparsa di sintomi astinenziali. Solitamente il paziente interpreta questi sintomi come una ricomparsa della malattia in seguito alla riduzione della terapia. Invece, questo fenomeno è stato descritto come causato dall’astinenza da antidepressivi SSRI (Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina) e da antidepressivi SNRI (Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina e Noradrenalina).

I sintomi astinenziali si rendono evidenti già dopo 24-96 ore dalla riduzione o sospensione del farmaco e possono durare alcune settimane ma anche mesi o anni. Di seguito si riporta una lista dei sintomi astinenziali che possono insorgere:

 

Sintomi generali Sintomi simil-influenzali, sudorazione, brividi, vampate di calore, facile affaticabilità, debolezza, stanchezza, sonnolenza
Sintomi visivi Variazioni della visione, visione annebbiata
Sintomi cardiovascolari Vertigini, senso di testa vuota, palpitazioni, respiro affannoso
Sintomi gastrointestinali Diarrea, perdita di feci, dolore addominale, nausea, vomito, mancanza di appetito
Sintomi sensoriali Formicolii, sensazione di shock elettrico, sensazione di scossa nel cervello, prurito, senso del gusto alterato, fischio alle orecchie
Sintomi neuro-muscolari Scosse, incapacità di restare fermi, rigidità muscolare, dolore muscolare, tremore, nevralgie, spasmi muscolari, sensazioni come di punture al viso, difficoltà a coordinare i movimenti
Sintomi cognitivi Confusione, amnesia, disorientamento, scarsa concentrazione
Sintomi affettivi Ansia, agitazione, tensione, panico, depressione, intensificazione delle idee suicidarie, irritabilità, impulsività, aggressività, rabbia, scoppi di pianto, rapidi cambi di umore, derealizzazione, depersonalizzazione
Sintomi psicotici Allucinazioni visive e uditive
Disturbi del sonno Insonnia, sogni vividi, incubi, ipersonnia
Sintomi sessuali Eiaculazione precoce, ipersensibilità ai genitali

 

Tradotto e adattato da Chouinard G, Chouinard VA. New Classification of Selective Serotonin Reuptake Inhibitor Withdrawal. Psychotherapy and Psychosomatics 2015;84(2):63-71 

 

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI


Chouinard G, Chouinard VA. New Classification of Selective Serotonin Reuptake Inhibitor Withdrawal. Psychotherapy and Psychosomatics 2015;84(2):63-71
Fava GA, Gatti A, Belaise C, Guidi J, Offidani E. Withdrawal Symptoms after Selective Serotonin Reuptake Inhibitor Discontinuation: A Systematic Review. Psychotherapy and Psychosomatics 2015;84(2):72-81
Belaise C, Gatti A, Chouinard VA, Chouinard G. Patient online report of selective serotonin reuptake inhibitor-induced persistent postwithdrawal anxiety and mood disorders. Psychotherapy and Psychosomatics 2012;81(6):386-388
Demily C, Chouinard VA, Chouinard G. Iatrogenic psychiatric-like symptoms recognition.
Encephale. 2010 Oct;36(5):417-24.
Bhanji NH, Chouinard G, Kolivakis T, Margolese HC. Persistent tardive rebound panic disorder, rebound anxiety and insomnia following paroxetine withdrawal: a review of rebound-withdrawal phenomena. Canadian Journal of Clinical Pharmacology 2006;13(1):e69-74
Dallal A, Chouinard G. Withdrawal and rebound symptoms associated with abrupt discontinuation of venlafaxine. Journal of Clinical Psychopharmacology 1998;18(4):343-4

 

 
ultimo aggiornamento: 27-Giu-2017
Unifi Dipartimento di Scienze della Salute Home Gruppo di ricerca

Inizio pagina