Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DSS Gruppo di ricerca Smettere gli psicofarmaci

Cosa fare

 

Solitamente le persone che hanno sintomi d’astinenza dovuti alla riduzione o alla sospensione di un farmaco antidepressivo ricevono il consiglio dal curante di riprendere il farmaco quanto prima perché i sintomi sono considerati una ricaduta della malattia. Il medico interpellato spesso dice:

…“il fatto che ti sei sentito male dopo aver ridotto il farmaco antidepressivo ci dice che è stato ridotto troppo presto, sei ancora fragile ed hai ancora bisogno della terapia”…

Questo errore diagnostico spesso fa sì che le persone non riescano mai a sospendere la terapia antidepressiva e pensino erroneamente di aver bisogno di essa per tutta la vita. In realtà, la ricerca scientifica ha già dimostrato che l'astinenza da riduzione o sospensione di antidepressivi esiste e ha identificato i farmaci antidepressivi che sono a maggior rischio di provocarla.

Guy Chouinard e Virginie-Anne Chouinard hanno proposto e pubblicato specifici criteri diagnostici attraverso i quali i clinici possono fare una corretta valutazione e diagnosi della sindrome d’astinenza da riduzione o sospensione di antidepressivi SSRI o SNRI, infine Fiammetta Cosci, Guy Chouinard, Virginie-Anne Chouinard e Giovanni Andrea Fava hanno messo a punto un’intervista che permette specificatamente di diagnosticare questi disturbi, si tratta della Diagnostic clinical Interview for Drug Withdrawal 1 SSRI and SNRI.

Cosa fare?

  • Rivolgersi ad un clinico che disponga di strumenti atti a formulare la diagnosi di astinenza da riduzione o sospensione di SSRI o SNRI. Se sei interessato a ricevere una valutazione gratuita attraverso la Diagnostic clinical Interview for Drug Withdrawal 1 SSRI and SNRI contattaci cliccando qui.
  • Rivolgersi ad un clinico che conosca in modo approfondito la sindrome d’astinenza da sospensione o riduzione di antidepressivi. Se sei interessato ai servizi offerti dal nostro Servizio di Farmacopsicologia clicca qui.
  • Intraprendere una terapia farmacologica adeguata, che non necessariamente corrisponde con il ripristino del farmaco che era stato appena ridotto o sospeso, per saperne di più leggi qui.
  • Verificare se è necessario seguire un percorso psicoterapico specifico, saperne di più leggi qui.
 
ultimo aggiornamento: 08-Mar-2018
Unifi Dipartimento di Scienze della Salute Home Gruppo di ricerca

Inizio pagina